Post in evidenza

Trasformazione, consapevolezza e libertà

Non è ciò che sei che ti trattiene, è chi pensi di non essere

Barbara Pozzo “Soomebliss”

Possiamo essere i peggiori nemici o i migliori alleati di noi stessi, non ce lo diciamo spesso ma lo sappiamo tutti, e quando questa consapevolezza si fa più pressante può iniziare la nostra trasformazione.

Qualcosa in noi comincia a disturbarci, ci rende insoddisfatti rispetto a ciò che facciamo e a come ci sentiamo.

A volte, forse più di quanto crediamo, sono gli altri che ci stimolano, perché riescono a vedere in noi quello che noi stessi non riusciamo a scorgere. Magari per pigrizia, per paura, perché qualcun altro ci blocca, anche inconsapevolmente, o per mille altri motivi.

Molte volte lo chiamiamo cambiamento ma a mio parere non è il giusto termine.

Credo che tutto quello che arriverà in un simile percorso sia già insito in noi, nascosto dalle nostre ansie, dalle nostre paure che non ci aiutano certo a tirare fuori le nostre potenzialità, a sbocciare, a fiorire.

Nasciamo già rose, con le nostre spine certo, ma non potremo mai diventare margherite, gigli o tulipani!

La lotta per raggiungere la nostra piena fioritura è quasi esclusivamente con noi stessi, anche se spesso imputiamo ad altri le difficoltà che incontriamo nel nostro fiorire.

Siamo noi in primis a dover riconoscere i nostri limiti e capire se vogliamo superarli o no.

Ognuno impiegherà il suo tempo per sbocciare, chi gli è accanto lo potrà aiutare innaffiandolo di ottimismo, vicinanza e senza giudicare come e quanto impiegherà a distendere le ali e a volare.

Proprio come la libellula, che dà il nome alla nostra associazione, la quale vive la maggior parte della sua vita come larva, nell’acqua, e solamente quando è pronta esce da quel guscio, si distende e spicca il volo… libera!

“Le libellule ci ricordano che siamo leggeri e che possiamo riflettere la luce se decidiamo di farlo. Ricorda sempre di risplendere affinché tutti possano vederti”





Robyn Nola 

Post in evidenza

La libellula

Libellula: simbolo di libertà, pace e consapevolezza.
Le libellule sono un genere di insetti che appartiene all’ordine degli Odonati. Il nome Libellula deriva dal termine latino “libra”, il cui significato è bilancia. Questo deriva dal fatto che questo elegante insetto, mentre è in volo mantiene le ali in posizione orizzontale.

Altri studi fanno risalire, invece, il nome Libellula dal termine latino libellum, diminutivo di liber con in significato di “libero”.

Nella tradizione e nelle leggende di molte culture questo elegante insetto visto come un essere magico per via delle sue sembianze e dei colori sfavillanti che si accentuano con il riflettersi della luce solare. Le sue ali, velocissime e lunghe, le permettono movimenti molto veloci ma aggraziati e il suo corpicino esile richiama i piccoli spiriti della natura.

La Libellula trascorre gran parte della vita sul fondo di uno stagno come larva, poi incomincia la trasformazione con la quale assume le sembianze che tutti conosciamo e si libera in volo.
Proprio per tale ragione la Libellula viene vista come il simbolo della trasformazione, della mutevolezza della vita; insegna ad andare oltre le apparenze incoraggiandoci a trovare la propria identità e ad affermare la nostra personalità.

.

Testi e citazioni dal web: https://www.mitiemisteri.it/simbologia-significato-degli-animali/libellula, a cura di Annamaria Sudiero.